gennaio 18, 2008

0,25


Vado avanti con le pagine de "La mia vita disegnata male".
Scrivo micro parti di sceneggiatura, di getto, pezzetto per pezzetto. le ultime quattro pagine le ho abbozzate su un ritaglio di carta da fotocopie.
Quella è la sceneggiatura. Ci sono i testi, qualche cenno di dialogo.
Ma poi, nella lavorazione "vera" tutto cambia.
Intere parti di racconto vengono fuori solo sulla pagina definitiva.
Mi sorprendono e, spesso, mi gelano il sangue, perchè rivelano cose che non sapevo di avere in pancia, e che credevo non avrei mai avuto il coraggio di scrivere.
Terapia, mi dicono.
Racconto roba nascosta, forse sciolgo nodi che andranno sciolti, prima o poi.
Non posso mettere le pagine intere. Non ora.

Ma la cosa importante è che in un negozio vicino a Piazza della Bastiglia ho trovato i pennarelli g-tech 0,25.
Non li avevo mai visti. Ne avevo sentito parlare come di qualcosa di raro e misterioso.
Mi hanno cambiato il modo di disegnare. I tratti sottili mi spingono a trattare le luci con maggior cura.
Ne sono contento.
E intanto, intorno, tutto cambia.
Ancora una volta.

27 commenti:

Valentina ha detto...

Per me puoi usare tutti i pennarelli che vuoi...sei sempre bravo...ogni volta che guardo i tuoi "sublimi" disegni mi torna l'ispirazioe e comincio a scrivere e a fare qualche scarabocchio(da bambina proprio)...
Bravissimo continua cosi...

Anonimo ha detto...

gipi ma che belli i tuoi disegni, che illustrano la prima metà di "Trash"...

dei neri che sono emozione pura...

Hai solo illustrato, o c'è qualcosa di tuo anche nella scrittura?

adriano

Gipi ha detto...

Valentina:
grazie, troppo buona.

Adriano:
Brutti i miei disegni su trash. Ero giovine e insicuro e sembro Munoz, ma peggio.

Ripudiai quel lavoro. Lo pubblicarono senza dirmi niente e vorrei che non esistesse.
E' una ferita. Sopratutto la pubblicazione abusiva, che in una nazione normale sarebbe stato oggetto di causa civile.
Alcuni testi li modificai. Non mi ricordo quanto e come. Ma lo feci. Ma non parliamone piu'. Non comprate quel volume. Se lo avete già fatto: bruciatelo. Fatemi contento.

l'amico del killerino ha detto...

Ho visto la luce.

gliautori ha detto...

hai ragione Gianni, in questo ambiente succedono cose spiacevoli.

meno male che ci sei tu!
Grazie ancora per l'omaggio!

per chi volesse vederlo: cosecheparlano.blogspot.com

Gipi ha detto...

gliautori:
quale omaggio? Vi siete scansionati la pagina di Internazionale..
Che scemi :)

KoKo ha detto...

E' una bella terapia, se poi escono cose come S.

Sta storia di Trash è uscita fuori anche qualche altra volta mi pare.

Invece, per quanto riguarda il commento qui sopra, c'è qualche diatriba sull'invenzione della verticalita' con allegata pubblicità occulta?

Gipi ha detto...

Koko:
Diatribe, non direi.
Io sto a disegnà. me faccio i cazzi mia :)

KoKo ha detto...

Fai bene,
e poi si sa che è tutta un'operazione delle lobby dei costruttori di rotelline per mouse. =)

Giosef ha detto...

Buonasera scusasse il quesito, che si pone semplicemente cussì: come si fa a disegnare cosiccome fa lei? Me lo volesse esplanare, ne sarei ben lieto.

federico ha detto...

Tutte le fortune... ora anche i pennarelli.

daniele marotta ha detto...

fai cacà.

1, apri la pista esplori trovi le cose nuove i modi e i pennarelli, e questo è un bene.

2,i pennarelli che trovi son sempre definitivi e sempre in culo.

3, trash l'ho preso pure io e a parte la truffa editoriale a noi che seguiamo la pista fa bene e piacere di leggere gipi primordiali

4, baci e abbracci.

dani

ciorven ha detto...

Non sono d'accordo nel ripudiare mai un lavoro, con il tempo e gli enzimi gastrici l'indigesto di oggi puà diventare tutt'altra cosa.
Certo Trash è strano, ma il testo è sul malato spinto e quello è. Però ci sono tante altre cose del Gipi B.C. che andrebbero proprio ristampate, non fare la cazzata di ripudiare anche quelle.
(ps: riguardovo la scorsa settimana le unghie del gatto sulla real doll)

ciorven ha detto...

ps2: dimenticavo, è inutile istigarmi, lo sai che non brucio niente di cartaceo

daniele marotta ha detto...

perdono maestro ma ormai parliamo di Trash...

il ripudio è accaduto nel durante? per questo è finito da altri?

basta non ne parlo più

vado a comprare la diavolina.

ciao

divinapellegrina ha detto...

fantastico!!! quoto valentina in pieno! :) bacio le mani maestro *sbavv* faccia contemplativa e depravata di fronte ai disegni.

Gipi ha detto...

Daniele:
Ne parliamo poi a voce, ok?
Mi fa troppo incazzare questa storia e dovrei sputare addosso, via web (ma lo faro' in real life pure, è sicuro, prima o poi) al tipo che ha combinato il casino.

Ciorven:
Non ripudio le storie vecchie, lo sai, non fare il furbino. Non mi piacciono più, non mi ci vedo troppo.
Ma questi sono sentimenti ben diversi dal fastidio e la vergogna che provo pensando a "spazzatura".

giosef:
Come si fa a disegnare come me? Bisogna essere me.

Pero' tu puoi arrivare a disegnare come te, se ti fai un mazzo adeguato e sei pazzo a sufficienza.
Buon lavoro, dunque.

MicGin ha detto...

Come si fa a disegnare come me? Bisogna essere me.

Pero' tu puoi arrivare a disegnare come te (....)

MicGin ha detto...

ehmm... chiedo scusa...
ho citato e non commentato...!

volevo dire... FRASE GENIALE!
che d'ora in poi farà parte del mio bagaglio di citazioni.

fourmi ha detto...

Première fois que je visite ce blog et il est clair que je reviendrai! Très beau travail!

Luca ha detto...

Quanto mi piace il Gipi! (Intendo il suo lavoro che lui è un poco magrotto...) I G-tec li uso da anni, hanno bisogno du una superficie compatta, dura, sennò le particelle di cellulosa o cotone li possono tappare... Ma che forse a te non piace troppo il pennello? Sto provando la pentel pocket brush che tira linee da meraviglia! Beh nulla a che vedere con i buoni vecchi kolinsky del signor Kalish...
Bravo, bravo, Gipi...

Gipi ha detto...

Luca:
io uso i g-tech sulla carta ruvidina da acquarello, perchè questo mi permette di avere dinamica nel tratto e fare segni sotilissimi.
Il pennello non riesco molto a usarlo, perchè ho un impugnatura da proscimmia menomata.

Luca ha detto...

Mmh, Moulin du Coq, che poi sarebbe Hanhemühle... Sicuramente già lo sai, ma tanto per chiaccherare... Gli Andalucia hanno 500 g/m² ma i Leonardo, che trovi di ogni grana, arrivano a 600. Questo vuol dire che se vuoi usare le velature reggono senza problemi. Uh, carta costosa, zio caro, ma se la vale eccome...
Oggi inchiostro con pennelli cinesi da calligrafia in setole di lupo. Durissimi e precisi se la linea fila dritta, morbidi ma non cedevoli nelle curve. Un incanto.

Francesco ha detto...

Bravissimo. Devo ringraziare Inviaggiocoltaccuino per un'altra mirabile dritta. D'ora in poi non mi perderò un tuo solo tratto! :-)

Loredana ha detto...

Ciao Gipi. Ho comperato "Trash" e l'ho trovato molto bello! soprattutto i disegni...altro che Munoz,tu sei più bravo!! Avevo sentito parlare di questo tuo lavoro al TG3, dicevano di un'altra storia "al pari dei più grandi racconti hardboiled americani"...e quando ho avuto il libro tra le mani ho capito che avevano ragione. Non so come fai a non piacerti!

roberto ha detto...

una penna 0.25.
le cose che abbiamo in mano, o sottomano, cambiano il modo di esprimersi. e' vero.
e non nel modo banale per cui si possono fare solo certe cose con determinati strumenti: in modo piu' profondo: la cose cambiano il nostro occhio e la nostra parola.

(ricordo che lo provai scrivendo un racconto su dei postit)

e' vero ma abbiamo dentro questa idea romantica della creazione senza corpo, puro spirito: e osi' ci stupiamo.
niente di piu' sbagliato credo: noi siamo carne e oggetti.

bei disegni.
ciao
roberto

珊珊李 ha detto...

感情,第三者,婚外情,一夜情,小老婆,外遇,商標,市場調查,公平交易法,抓姦,債務,債務協商,應收帳款,詐欺,離婚,監護權,法律諮詢,法律常識,離婚諮詢,錄音,找人,追蹤器,GPS,徵信,徵信公司,尋人,抓姦,外遇,徵信,徵信社,徵信公司,尋人,抓姦,外遇,徵信,徵信社,徵信公司,尋人,抓姦,外遇,徵信,徵信社,徵信公司,尋人,抓姦,外遇,徵信社,徵信,徵信社,尋人,偵探,偵探社,徵才,私家偵探,徵信,徵信社,徵信公司,抓猴,出軌,背叛,婚姻,劈腿,感情,第三者,婚外情,一夜情,小老婆,外遇,商標,市場調查,公平交易法,抓姦,債務,債務協商,應收帳款,詐欺,離婚,監護權,法律諮詢,法律常識,離婚諮詢,錄音,找人,追蹤器,GPS,徵信,徵信公司,尋人