marzo 12, 2012

Penne a china

Giorni di montaggio sui trailer de "La teoria dei tre colpi". Molto divertente. Serve un mac pro nuovo.
Mercoledì sarò a Cinecittà alla presentazione della nuova Canon C300, con la quale ho girato queste prime parti della serie che spero di riuscire a mettere in piedi.
Presto i trailer saranno disponibili.
Mentre lavoravo mi hanno chiamato da La Repubblica per chiedermi due parole su Moebius. Questo è quello che ho scritto. L'articolo è uscito sul numero di domenica.


Momento uno.
Sono nella mia stanza a disegnare. C’è una grande finestra con una tapparella marrone. La tapparella è aperta ed oltre la siepe si vede la casa dei Rossi. Una villetta dalle pareti bianche, immacolate. In quelle pareti, con Alberto, senza motivo lanceremo delle uova. Ma in altro momento. 
Questo è il momento uno.
Sotto la finestra aperta c’è una scrivania. Un foglio Fabriano A4. Delle matite, delle penne a china. Ho quindici anni. Quella finestra sta nella mia camera. nella casa dei miei genitori. C’è un armadio pieno di disegni. Li abbiamo fatti io e Alberto. Alberto è più bravo di me. Tempo dopo smetterà di disegnare per non farmi soffrire.
Le penne a china. Tormento. C’è un negozio di materiali da disegno, in centro. Vado, guardo, scelgo le penne a china. Cerco di scoprire un segreto. C’è un disegnatore francese che credo utilizzi quelle penne a china. Io voglio disegnare come lui, o almeno, mettermi tecnicamente nella stessa condizione. Ho quindici anni e, ingenuamente, penso che possa derivare dalla penna usata, anche dalla penna usata, quella capacità.
Torno a casa. Provo le penne. Il tratto in effetti è simile a quello dei disegni del francese. Provo a fare un orizzonte basso in terra desertica. Un personaggio con pantaloni a sbuffo che cammina nei pressi, indossa un cappello lungo in testa, di forma coloniale di colonia di Saturno. Faccio ombreggiature a tratto intermittente. E’ così che fa il francese. Provo a fare lo stesso. Crolla il morale. 
Momento due.
Ho diciassette anni. C’è un disegnatore italiano molto giovane e di incredibile talento, usa lo stesso tipo di ombreggiature del francese, ma poi piega lo stile a mano sua ed i suoi nasi hanno ombre autonome. Lui ci è riuscito. provo. Forse questa nuova penna a china mi potrà aiutare. Niente.
Il francese disegna spesso linee di orizzonte basse, è come se avessimo gli occhi a terra. I piedi dei suoi personaggi, quando non vanno in aria per sconfitta della gravità, aderiscono alla linea di terra. Sono steso a guardare quei piedi. I corpi. le mani. Le dita delle mani. le unghie.
Ogni particolare è definito con lo stesso tratto. Credo che sia merito di una penna a china particolare. Non cambia mai spessore. Devo trovare una penna che dia lo stesso risultato. Voglio disegnare come quel francese. Mettermi, almeno, nella stessa condizione tecnica. Che carta usa? Forse usa un pennino?
Ho passato tutta la mia giovinezza di disegnatore in sofferenze e ricerche di questo tipo. La prima ossessione furono i disegni impareggiabili del francese. Quel francese si era dato il nome di Moebius. Solo più tardi venne il cuore di Andrea Pazienza a tormentarmi. Credo che ogni disegnatore abbia combattuto guerre simili. Guerre impossibili contro gli Dei. Guerre d’amore, per lo più. 
Incontrai Pazienza negli anni ottanta. Agli inizi. Scoprii così che Dio aveva gambe e braccia come me. La guerra poteva cominciare. L’amore, il nemico, erano stati identificati. C’era una speranza.
Momento tre.
Quasi venticinque anni dopo. Sono in Francia. Ad Angouleme. Ho vinto un premio prestigioso e senza accorgermene sono già carico di presunzione. Tutti mi trattano bene. Sono in un hotel dove si entra solo con invito. A un tavolino, vicino a me, c’è Joann Sfar, un grande disegnatore francese, giovane. Una vera star, nel suo paese. Arriva un uomo di una certa età, un signore dall’aspetto gracile e raffinato. Si siede al tavolo con il giovane autore che non nasconde il suo piacere per l’onore ricevuto.
Il giovane Sfar mi chiama. Il mio francese è appena nato ma capisco. Mi fa sedere al tavolo con lui ed il signore anziano. Il signore anziano è Moebius.
Lui era Dio per me. Voglio che lo sappia. Non so come dirlo, non in francese. Lo dico in italiano.
Che cosa brutta: “Era” Dio. Era? Forse che Dio può avere una scadenza, passare di moda? Essere superato? Ho appena vinto un premio prestigioso e la vanità, senza che me ne accorga, ha già cominciato a masticarmi l’anima. 
Sfar mi chiede un disegno su un agenda. Devo disegnare qualcosa, davanti a Moebius. Davanti a Dio. Grande imbarazzo. Ma sarò anch’io una star, un giorno. Ho vinto un premio prestigioso. Vanità.
Disegno quindi, con una penna sottile che non è a china ma da un risultato simile. Ho questo stile di disegno, rappresento ogni parte dell’immagine con la stessa dimensione di tratto. L’uomo anziano, al tavolino, lo faceva quando avevo quindici anni. Adesso io ne ho più di quaranta.
Faccio questo disegno, un personaggio del libro che mi ha fatto guadagnare il premio. Moebius mi guarda e sorride. L’agenda di Sfar ha una carta terribile, dove l’inchiostro non s’attacca e genera spiacevolissime goccette in testa e in coda ad ogni tratto. Lo maledico, dentro di me. E poi mi trema un po’ la mano, perché è mattina, ho fatto colazione da poco e ho ancora sonno. Devo mettere gli occhiali.
Sto facendo un esame con Dio. Il personaggio fuma. Tiene la sigaretta alla bocca e aspira una boccata. Disegno mignolo e anulare quasi attaccati, per qualche motivo di stile che non so spiegare non disegno divisione tra queste due dita, mignolo e anulare sono una forma sola, per lo stesso vizio di stile non metto le unghie a queste due dita. Ecco. Una striscia di fumo dalla sigaretta fino al bordo della pagina e il disegno è finito. 
Dio lo guarda, prende la mia penna, sorride ed aggiunge sul foglio le unghie mancanti.
Poi dice qualcosa in francese, che non capisco, ma sorrido. Falso.
Dentro di me la vanità, innescata da quel maledetto premio prestigioso mi suggerisce che un vecchio ha fatto le unghie al mio disegno, perché quel vecchio ha uno stile antico, sorpassato, che ignora il mondo contemporaneo, che si è scollato, che ha avuto il suo momento di gloria e che è passato, e guarda come si manifesta, sulla carta, la sua distanza: due unghie dove non ce ne sarebbe alcun bisogno. Chi ha necessità di quel dettaglio? Cosa racconta? cosa aggiunge? Il mondo è cambiato e adesso siamo noi giovani a dettare le regole, a creare gli stili. Vanità.
Momento quattro.
C’è un ragazzo a un tavolo da disegno: Per qualche motivo ignoto il suo cuore l’ha portato al foglio, lasciando l’xbox per un poco almeno, da parte. Non sta scrivendo il suo stato su facebook. Sta disegnando. Ha comprato una penna nuova. Ha un libro che gli ha dato qualcuno, il libro di un disegnatore francese con delle tavole di una bellezza accecante. Non si riesce quasi a tenerci gli occhi sopra. Fissare lo sguardo ad un singolo disegno è difficile. Quella bellezza respinge e spinge avanti. Poco male, comunque, è un fumetto. Dopo un disegno ce n’è un altro.
Il ragazzo guarda e si sofferma sulla mano di un personaggio che per qualche motivo si è librato a mezz’aria. Lo si vede da un punto di vista basso sul terreno. Da una prospettiva che il ragazzo non può che definire “difficilissima” si vedono le suole degli stivali, lo scorcio del viso e la testa con un cappello da coloniale di Saturno. Le mani hanno anatomie perfette, le dita sono in posizione sospesa, a suggerire movimento, per sempre. Alla cima delle dita ci sono unghie ben definite. Il ragazzo prova a rifarle. Non riesce. Soffre e l’xbox lo chiama come una sirena senza pensieri. Ma lui resta al tavolo da disegno. Ci riprova. Ama quel disegnatore francese. Tutto quel talento, lo ama tanto da detestarlo con tutto il cuore. Un giorno. Continuando a provare. Un giorno riuscirà.


20 commenti:

Spugna ha detto...

wow.

Marica ha detto...

Io leggendo LMVDM ho tentato più volte di disegnare come te. Ho mollato subito. :(

Galatina ha detto...

sigh anch'io ho combattuto con moebius e pazienza durante la mia adolescenza (ancora in corso) in uno stato di mortificazione continua, ma come si fa! sono troppo per i disegnatori mortali... bellissimo ricordo del francese, sei stato molto fortunato.

Allez ha detto...

Ah conosco bene questo tormento, anche se mio caso (e senza Xbox) è più o meno iniziato e finito nel vuoto. Non è nemmeno questione di unghie ma di storie, di quante puoi contenerne e quindi raccontarne. E bene.

KoKo ha detto...

me l'ero perso, grazie!

DENIS GUALTIERI ha detto...

Moebius is on killing spree!

Anche da morto.

Mino ha detto...

grandi o piccoli ci siamo tutti ritrovati davanti a Moebius… personalmente mi ha aperto gli occhi, l'abbiamo anche incontrato una volta. Mi ricordo ancora con vergogna le domande stupide che gli abbiamo fatto: sulla carta che usava, la china, come colorava… ho capito più tardi che erano cose senza importranza.
Mi restano i momenti meravigliosi passati a leggerlo.

Marco Pugliese ha detto...

Caro Gipi, pensi che adesso per un sacco di persone (alzo la mano) lei è Moebius e loro a provare penne :)

Iuris ha detto...

Grazie. Per le parole che io non sarei mai riuscito a scrivere meglio.

Ivano Porpora ha detto...

E' la frustrazione della narrazione.
Io ci ho provato leggendo "Questa è la stanza" e cercando di dare a una mia pagina la stessa impressione che dava la prima tavola del tuo libro.
O ci ho provato osservando un'altra tavola - non chiedermi di quale libro, me li sono letti tutti in fila - in cui un personaggio nuotava a stile, e emergeva e s'immergeva nelle acque, e io pensavo "Devo rendere questo senza l'immagine".
Quelle due unghie sono importanti, sempre.
E, mi viene da pensare, ora, da qualche parte nel mondo, c'è un disegno di Gipi e Moebius...

nura-t ha detto...

Dovrei subito dire qualcosa su Moebius, su questo articolo... ma il mio cervello è fermo al pensiero della c300 *___* ... probabilmente come te con la penna a china (e che ho il doppio dell'età) .
Sei Gipi, Gipi!

Sandrella ha detto...

http://www.nontistavocercando.it/wp-content/uploads/2012/03/15836_1293513343169_1390371843_833657_741262_n.jpg
La storia delle dita è una storia che si ripete!

luciaLu ha detto...

rnizatuti ricordi quando guardando la mostra con gli originali disegnetti ( propio disegnetti piccoli ) di Pazienza ci guardammo e all'unisono dicemmo ... ma è facile rifarli ora , avevano quel tenero della gioventù che allora pareva irraggiungibile e ora appariva ingenua .
a Lucca ero davanti a Alan Lee e hai suoi originali , ero li in fila a chiedergli un autografo aspettando riguardai bene bene le immagini ..e per un assalto di avara alterigia pensai "non ne ho bisogno, ora io posso disegnare meglio di lui " era solo avariziavanesia ma mi fece bene ... anche al portafoglio

Valentina Solinas ha detto...

ho letto tanti pensieri su Moebius in queste settimane ed oggi sono capitata qui per caso e me ne vado piangendo. grazie per aver dato sfogo a queste parole. per Moebius, per te, e per noi.

Arianna ha detto...

Grande autoconsapevolezza e grande sincerità...complimenti!

marco lenzi ha detto...

bello

Francesco Di Pietro ha detto...

il problema di ogni disegnatore sono le unghie. io faccio passare sempre troppo tempo tra un taglio e l'altro. un pò perchè sono pigro, un pò perchè il tagliaunghie è tipo un oggetto mistico, che appare e scompare senza soluzione di continuità. L'atto creativo, specialmente in un luogo pubblico, è spesse volte turbato da questa annosa questione. I maestri certe cose le sanno, e quel vecchio fumante, probabilmente voleva solo ricordartelo. Alla stregua di un padre gentile,a modo suo, non ha fatto altro che dirti: Pacinotti, le tagliamo queste unghie?

John J. Pijamino ha detto...

paz gran cannibale ci ha mangiato prima gli occhi e poi il cuore. ma quanto stiamo felici di quei morsi

Anonimo ha detto...

é bellissimo questo articolo! io ho deciso dopo anni di mettermi seriamente sui fumetti. lo confesso, ti ho scoperto da poco, ma mi hanno colpito molto le storie e le tavole. e penso che sia capitato a tutti e capiti tutt'ora 'il momento delle unghie'...accidenti non riesco a esprimermi come vorrei...allora torno all'inizio e dico solo bell'articolo. :)

Bakunin91 ha detto...

è praticamente quello che ho provato anche io dopo aver letto Moebius e Paz... Eccezionale mi ci sono ritrovato un sacco in questo racconto