dicembre 29, 2005

L'uomo con la giacca rossa

A domanda rispondo.
Qui potete trovare la ministoria "L'uomo con la giacca rossa" in una risoluzione (spero) leggibile.
Buona lettura e buon anno a tutti.

24 commenti:

SQUARTATO ha detto...

Letto, ovviamente mi garba, se le racconti così non può essere altrimenti. La neve è forte da disegnare, è bianca e richiede un attento minimo-necessario-indispensabile perchè si capisca che è neve. Quella che hai fatto mi piace assai.
Ma senti un pò... Charlie Brown ha comprato la maglietta nello stesso negozio dove l'ha comprata il babbo alla finestra?

marilina_ ha detto...

Buon anno anche a te!!!!
speriamo di imparare guardando quello che fai e quanto fai ad essere un po' più concludente....qualcosa che doveva essere finito nel 2005 passa al prossimo anno...
e ora ci si è messa anche la fisarmonica...
Marilina

Luc ha detto...

Molto bella, con tutto questo lasciare intuire ed immaginare ... una bella storia di passaggio da una fase all'altra dela vita di un ragazzo e di raggiunta consapevolezza che ti fa vedere il mondo in un altro modo (magari con un velo di tristezza). E qui me la sono goduta molto meglio che su Repubblica che pure questa volta aveva fatto una buona stampa (a parte l'inversione della sequenza).
Ora una domanda tecnica, se si può, hai usato la carta Moulin du Coq ? e che acquerelli ?
Per ora auguri di buon anno nuovo.
Luc

Gipi ha detto...

Squartato:
La neve disegnata così è divertente ed è un bel salvagente se hai solo 5 giorni per fare la storia.
In sostanza si tratta di lasciare il foglio bianco e mettere qualche ombretta azzurro/bruno van dick qua e la. E poi aggiungere giallini e arancioni pensando alla canzone di F.Z. "Don't eat the yellow snow".

Marilina:
Diventare esempio di concretizzazione è qualcosa che non avrei mai immaginato: Quando ero giovinastro, per alcuni anni, mio padre aveva preso a chiamarmi "aspetta". Perchè era la parola che pronunciavo ad ogni richiesta di impegno/aiuto/dovere. Aspetta...
La fisarmonica mi sembra, comunque, una buona cosa.

Luc:
Niente Moulin du Coq, il formato delle tavole è molto grande e non sono riuscito a trovare carta MdC in formati giganti.
E' una Fabriano Artistico da acquarello a grana fine 300g.
E poi un pennellone grande (che per i miei attuali gusti acquarellici non è mai abbastanza grande).
Gli acquarelli sono i Blockx (francesi pure questi).
Appena ho un minuto mi fotografo tavolo e attrezzatura e faccio un post tecnico:Pensi che serva?

Luc ha detto...

Sono padre di un 17enne e la parola "aspetta" la sento spessissimo !! Quello che devi fare a 17 anni (anche se è niente), viene sempre prima, almeno istintivamente. Poi passa ... si cresce. Grazie veramente molto per le informazioni tecniche. Guardando bene il disegno nella scansione sul Blog si nota la trama che non mi sembrava proprio della "Moulin".
Riguardo i pennelli, quando ho comperato da Creastore.com su internet, la carta Moulin du Coq mi sono regalato anche un megapennellone per i cieli di grandi dimensioni, che non avevo mai visto prima nei negozi di belle arti qui a Roma.
Se ti va ed hai tempo per fare il post tecnico, a me farebbe molto piacere.
Grazie per la cura che metti in quello che fai. Dalle storie al disegno ed al Blog.
Ciao.
Luc

marilina_ ha detto...

già. la fisarmonica è una buona cosa: perchè respira, perchè respira come chi la suona, perchè così vicina a stomaco e cuore fa fiorire mille immagini....
e così mi ha inacasinato ancor di più: in un baleno un progetto grosso, fin troppo, e mentre suono non faccio in tempo ad avere un'idea che questa ne evoca un'altra, finchè arrivano i dettagli e allora mi sento scoppiare..
questa cosa ha fretta di essere buttata giù...ma è chiara la percezione che divide pensiero e scrittura
ciao "aspetta"

georgia ha detto...

bellissimo, dolcissimo racconto, con immagini veramente notevoli, complimenti, lo metterò accanto al Racconto di natale di dickens
georgia

Ant ha detto...

Ciao Gippì

grazie per averla pubblicata qui, su Repubblica non mi pare abbiano fatto molto per valorizzarla.

Volevo chiederti una robina sullo scanner. Tempo fa ne avevi parlato ma non trovo il post. Quale usi? per i libri passi direttamente tu i file o le tavole?

Per quel che riguarda eventuali post "tecnici" penso che possano essere interessanti.

Ciao e grazie
Ant

rik ha detto...

fiuu!...grazie per la storia postata qua sopra!...molto bella!...per il post tecnico su materiali e quant'altro sarebbe un toccasana per i miei pennelli in pelo di topo e i miei acquarelli w&n...sono un forzato sostenitore dell'arte povera...ma povera sul serio:)..approfitto delle vacanze per acquistare qualche buon materiale...intanto passa un buon capodanno e un prolifico 2006! ciaü Gipi!

elena ha detto...

buon anno e tante belle cose! Sono la elena, la traduttora coconinica, ci siamo conosciuti a Lucca. Io sto preparando una Sachertorte; facciamo che era anche per te la Lucia e i gatti. Uffa, non son capace di fare complimenti. Una raccomandazione: capelli sempre ben ravviati, camicia a postino e il mondo sarà tuo. Lucia, com'è andata a finire col lupo cattivo? Un abbraccio a tutti, specialmente alla gattina nera, così non ti monti la testa.

giulia ha detto...

buon anno Gipi!
finalmente scrivo anche io un commento.. saranno 4 mesi che visito assiduamente il tuo blog senza lasciare traccia, il tuo stile mi ha sempre incuriosita molto, da quando ho dovuto comprare Blue (perchè a scuola di fumetto hanno detto che dovevamo saper fare tutto, anche tavole erotiche) e ho trovato i tuoi acquerelli.. poi la scorsa Lucca, mentre giravo l'angolo quasi non ti venivo addosso, forse avrei dovuto dirti: "complimenti!mi piace molto quello che fai.." ma mi sono vergognata e quindi eccomi qui.

Questa storia la vedo bellissima, per tutto quello che racconta con così poche parole, ma soprattutto per il modo in cui lo racconta.. veramente, bravo!

per i post tecnici, dopo aver letto il numero di Scuola di Fumetto con i tuoi schizzi, sono così curiosa che se è possibile farei un visita guidata del tuo studio..eheheh!! Ho letto che disegni con le pilot G-TEC-C4, così ho provato anche io, ma l'acqua ha fatto sbavare tutto il disegno!!! perchè??

scusa per il post lungo!!

Gipi ha detto...

Va bene, ho pensato a come fare il post tecnico.
Lo preparerò in questi giorni, tra una tavola di "hanno ritrovato la macchina" e l'altra.

Ant:
Lo scanner è un Epson Expression 1680.

Elena:
Ciao fratella, un abbraccio di auguri per un anno sereno.

Giulia:
Io il pennarello lo metto dopo l'acquarello (quando uso i g-tec).
In "Questa è la stanza" l'ho messo dopo, perchè volevo sbafamenti e casino.
(interessanti i disegni sul tuo sito, brava).

wandrille ha detto...

ciao, sei un francese qui volio conescere ti meio, bravo !

El artista madridista ha detto...

Hola , soy español y tu trabajo me parece MARAVILLOSO, si quieres visita mi pagina donde tambien contiene dibujos.

Gracias

claudio ha detto...

bella. peccato non avere preso repubblica il 24... ach!
attendo fremente il post tecnico, si preannuncia interessantissimo.

baci,
c.

Medo ha detto...

Gipi è oramai un must dell'illustrazione. Buone creazioni.

andrè ha detto...

applauses e auguri!
ps: regalaci altre chitarre!

J ha detto...

viva il post tecnico che capiranno sogli gli interessati e gli "addetti al lavoro) (effettivamente su scuola di fumetto le paginone in cui si parla del tavolo di lavoro sono sempre le più interessanti, assieme ai Prefs, dove si dice cosa l'autore ama usare, vedo tra i commenti che tu già lo fai..).
La stora é bella bella, sono corso a recuperare in biblioteca una rebubblica del 24 per leggerla..
anche storta come era pubblicata..
e un po mi é tornata la voglai di fare acquerelli.
(coem sempre vedere qualcuno molto più bravo di te non fa che spronarti..) (quindi grazie gipi!)
Aspettiamo con ansia il post tecnico.

il pseudodisegnatore J.

giulia ha detto...

grazie per aver visitato la mia pagina!! Mi fa piacere la tua opinione.. e grazie anche per il consiglio sui pennarelli ;)

kiakkio ha detto...

perchè il tuo tavolo e l'attrezzatura non li disegni invece che fotografarli? (immagino che non avrai molto tempo per farlo, però sarebbe bello... una sorta di gipi's guitar shop, però con la tua attrezzatura da lavoro :)

andrea barbieri ha detto...

Ve' che poi a farlo lavorare su tutto meno che sull'Ignaz, l'Ingnaz esce in ritardo, Igort si incazza, i lettori precipitano nel mutismo. Insomma io sono per le foto! :-)

kiakkio ha detto...

...si, hai ragione, l'avevo buttata lì... sai cosa però? sarebbe bella una serie di Ignaz dove ogni autore racconta il proprio tavolo da lavoro, o qualcosa di strettamente legato al proprio lavoro magari all'interno di una breve storia.. basta così, mi fermo.

ciao a tutti

ToFrA ha detto...

Shame on me, I don't speak a word of italian. But I will go forward of this lack of cultture to tell you all my admiration. We are discovering your works in France and in one word it's FANTASTIC!
I wish you an happy new year and a lot of succes in your futures comics.

laura ha detto...

ciao, volevo inserire il tuo sito tra gli extra del mio sito.... (veramente l'ho già fatto...),posso? Trovo bacidallaprovincia molto bello.
se vuoi vedere il mio sito ti lascio l'indirizzo qui sotto.
Se invece non ti va di essere tra i miei siti preferiti, ti tolgo, eh?
a presto
laura
www.laurazanello.editarea.com